Villa Kapetanović – restaurant Laurus, Abbazia

Vi ho già raccontato quello quando i miei padroni mi portarono in una certa Abbazia?

Allora, ci arrivammo e ci sistemammo nell’accogliente stanza dell’albergo Villa Kapetanović. Sapete, ci ammettono gli animali a quattro zampe. Appena quando il mio stomachino iniziò a borbogliare e quando mi chiesi se saremmo andati a una cenetta, mi pettinarono bene, mi misero la mia imbracatura e agganciarono il guinzaglio. I profumi inebrianti svolazzarono fino al mio naso. C’era l’odore della pappa! Un momento più tardi entrammo nell’impero di quegli stupendi odori. Pensavo che ci avrebbero sistemato sulla terrazza, perché, sapete, io sono un cane e così via… Ma, alla mia grande sorpresa ci fecero sedere nella sala grande. Dentro c’era un fresco piacevole, alcuni tavoli erano già occupati, però nessuno si disturbava perché c’ero anch’io. Tanto la maggior parte degli ospiti si divertiva esaminando il grande acquario in cui si pavoneggiavano le aragoste, completamente incoscienti che forse poco dopo sarebbero diventate il pasto di qualcuno di loro.

vila6

Poco dopo sentii il tintinnio dei bicchieri, piatti e delle posate. Veramente non riesco a capire ‘sti uomini! Sapete, loro mangiano con certi accessori per non sporcare per caso un po’ le zampe. Come se ci fosse qualcosa di meglio che leccarsi bene le zampine dopo che con esse hai tenuto un ossetto saporito!

Quella sera scoprii che il cibo umano contiene tante cose che mi piacciono. Be’, il risotto agli asparagi forse anche no. I miei lo divoravano, però a me quel riso con quella specie di arbusti già come concetto non mi sembra un gran che. Però, il carpaccio! Capii che il carpaccio mi piace tanto. E a chi non verrebbe l’acquolina in bocca alla vista di un bel pezzo di carne cruda, di tonno o di manzo, sul letto di rucola e con il parmigiano grattugiato. Ecco, già a ricordarmene, comincio a masticare. Amici miei, il mio naso lavorava a cento all’ora! Ero felice quando ogni tanto la mano del mio buon padrone scendeva sotto il tavolo e allora anch’io assaggiavo un po’ di quelle bellezze.

I piatti si susseguivano, uno dopo l’altro, uno migliore dell’altro: ravioli con riduzione di scampi del Quarnero con salsa tartara e finocchio, filetto di rana pescatrice in salsa di malvasia, succo di arancia e curcuma, peritoneo d’agnello ripieno con frutti di mare, cannelloni con ombolo, fegato d’oca e pecorino, coscia di vitello con ripieno di funghi porcini e miele di castagne, filetto di tonno con batate e fegato d’oca, spezzatino di capriolo con paprica e ragù di seppia…

Risotto

I padroni mi spiegarono che queste si chiamano le portate. Menzionarono anche un menù di degustazione, mentre io, invece, pensavo tutto il tempo che, se qualcuno mi avesse chiesto, io avrei mangiato tutto quanto in una volta sola! Però, no, loro dovettero centellinare dopo ogni piatto un altro tipo di vino e chiacchierare con Kruno e Andrea. Sapete, questi sono i padroni dell’albergo e del ristorante. Bellissima gente, giovani, simpatici… Hanno solo un difetto e cioè che non hanno ancora nessun animaletto proprio! :)

Charlie u restoranu Laurus

A allora arrivarono i dessert! I miei uomini semplicemente non potevano smettere di ammirare la crema di zucca con mandarini flambé, il gelato con 4 tipi di semi e olio di zucca e la mousse al cioccolato con olio d’oliva. Ce n’era ancora di più, ma non mi ricordo di tutto. Insomma, i dolci non sono proprio “my cup of tea”, se mi intendete. Mi piace prendere qualche volta un gelato, uno yogurt o qualcosa di simile, però preferisco le specialità un po’ più concrete.

Charlie i desert

E così era già buio da tanto quando finalmente ci alzammo da tavola. I padroni ridevano abbastanza sguaiatamente e camminavamo un po’ storti durante la passeggiata prima di andare a dormire. Mentre sprofondavo nel sonno, comodo sul bel letto morbido, accanto ai piedi dei miei uomini (per fortuna li lavano prima di andare a dormire :) ), pensai che per me, piccolo cane Charlie, la giornata era proprio bella…

Pet za Villu Kapetanović



Hotel Villa Kapetanović e restaurant Laurus

Nova cesta 12a, HR-51410 Abbazia, Croatia

www.villa-kapetanovic.hr

e-mail: laurus@villa-kapetanovic.hr, hotel@villa-kapetanovic.hr

Tel: +385 51 741 355 | Fax: +385 51 741 356 | Mobile: +385 91 2210 971

Guida di Mona per la Croazia

Tinta Media Lab d.o.o., Bijenik 24, 10000 Zagreb, OIB: 63473644735; Copyright PovediMe – Tinta Media Lab d.o.o.2021. Sva prava pridržana.
Grafički oblikovao Atlantis. The domain name is courtesy of .ME